Profumo di primavera. Parole senza censura di Monia Z.

Profumo di primavera. Parole senza censura di Monia Z.

Era inverno e mi sentivo come la terra ricoperta da un candido manto di neve fresca e bianca, bisognosa di tanto riposo e silenzio.

E così ho fatto, ho riposato.
Nel frattempo ho seminato i miei intenti, piccoli semi donati al buio e all’umidità della Terra che, come una mamma, li ha accolti, custoditi e tenuti al sicuro da tutto ciò che c’era fuori: freddo, vento, tempeste e rumori.

Io stessa ero un seme!

Poi ecco la primavera!
I piccoli semi ora sentono il canto scherzoso degli uccellini là fuori. E a loro piace!
Ora sentono un dolce nuovo profumo provenire dalla terra, un gran buon profumo. Anche questo piace ai semi!

Così, carichi di entusiasmo, euforia e coraggio fanno capolino in superficie, ora divenuti piccoli fili d’erba curiosi di cosa c’é là fuori.

In quello stesso momento riaffiora un ricordo lontano ma presente e forte dentro il loro cuore:  grazie ad Acqua Aria Sole e Terra cresceranno e si trasformeranno nuovamente in ramoscelli, alberi, fiori e frutti per poi tornare semi.

Un ricordo di un ciclo perfetto che ora riconoscono come certezza della  loro essenza divina. Che meraviglia per tanto splendore!

È primavera, sento anch’io il profumo nell’aria, sento il canto degli uccellini e so che mi serviranno radici forti per ancorarmi alla Terra, per riceverne stabilità e sicurezza.

Mi servirà il Sole per tenere acceso il mio fuoco e il mio coraggio.
Mi servirà Acqua per crescere e per adattarmi e fluire nelle correnti impetuose e, infine,
mi servirà Aria per aprire le braccia e provare a prendere il volo, con ogni mio intento pronto e maturo a dare i suoi frutti.

Lo sentite anche voi?
Il Profumo di primavera…
Profumo di rinascita!

Monia Zampilli

Lascia un commento