La storia di un’emozione e i suoi colori

La storia di un’emozione e i suoi colori

Che cosa accade alle donne quando i loro vibranti colori psichici si mescolano tutti insieme? Che cosa succede quando mescolate scarlatto, zaffiro e topazio insieme? Gli artisti lo sanno. Quando si mescolano insieme colori vibranti, il risultato è il color fango, un fango sterile, incolore, stranamente morto, che non emette luce. Quando sulla terra c’è il fango, l’artista deve ricominciare tutto da capo.
-Clarissa Pinkola Estés

 

Rovistare nei fondali delle emozioni intorpidisce le Acque emotive e confonde le memorie, ecco che si dovrebbe praticare l’arte dell’attesa, della pazienza e della meditazione, per permettere al fango di depositarsi di nuovo nel suo alveo, e alle acque di tornare limpide.

Separare la melma dall’acqua è necessario per riportare obiettività e vedere chiaramente oltre il trambusto emotivo che appare indefinito, senza luce, come i colori mescolati insieme.

I giorni che precedono le mestruazioni sono perfetti per far apparire il colore predominante dalla tela delle nostre emozioni, e questo accade ciclicamente ogni mese. Ogni 28 giorni circa, attuiamo questa separazione, come?

C’è quasi sempre un’emozione che prevale nei 3-4 giorni precedenti alle mestruazioni…
Rabbia? Tristezza? Senso di abbandono? Mancanza? Desiderio sessuale? Apatia sessuale?

Ecco quel colore vibrante, vivo e acceso che esce dal color fango della creanza, senza mescolanze, puro, vero. E così facendo separa anche il resto dei colori più tenui che si confondevano tra loro. Ecco la verità, ecco ciò che va visto e guarito, abbiamo di nuovo la nostra occasione ciclica di fare chiarezza, di dire la verità e di seguire la strada giusta.

La strada della nostra vera storia.

… lasciate che i vostri occhi mostrino i vostri sentimenti, osservate ogni cosa, vedete tutto ciò che vi è possibile vedere.

-Clarissa Pinkola Estés

 

Enrica

 

Vuoi scoprire la storia delle tue emozioni con il mio corso di Scrittura senza Censura?
Clicca sull’immagine per avere le informazioni

Lascia un commento