Al momento stai visualizzando La Dea dell’Inverno. La Dea dei Desideri. Imbolc

La Dea dell’Inverno. La Dea dei Desideri. Imbolc

Lasciatemi raccontare la leggenda d’inverno,
proprio adesso che il freddo lentamente ritira il suo mantello di brina e il Sole si alza presto il mattino.
Proprio ora che le leggende sbiadiscono nella memoria, e i racconti sono lasciati a prendere polvere negli scaffali dei nostri ricordi.

Ora è il momento giusto.

Quando Sir Inverno era il più tremendo dei predatori, quando la terra gelata non dava più nutrimento e le scorte di cibo scarseggiavano, c’era bisogno di tenere al caldo la speranza e alimentare l’immaginazione.

Ecco che la Dea dei Desideri compariva nei pensieri di adulti e bambini.

La tempesta si faceva sentire prima di abbattersi sugli alberi del bosco sacro e nella brughiera, facendo cantare le montagne e vibrare il mare, non rimaneva che chiudersi nelle abitazioni e razionare cibo e legna da ardere.

Non rimaneva che ascoltare la vecchia saggia matriarca mentre, ad occhi chiusi e con voce solenne, raccontava l’antica creazione delle montagne e delle isole, grande compito della Dea d’Inverno.
La Grande Strega, la Madre di tutti gli Dèi, la Vecchia Maga, la Velata, la Gigantessa dalla pelle blu, molteplici erano i suoi nomi. Di Lei si sa che col suo maglio ricopriva di ghiaccio la terra per proteggerla e tenerla umida e grassa per il seme che custodiva.

Di Lei si narra che creò isole e montagne facendo cadere rocce dal suo grembiule. Protettrice dei pescatori, dei pastori e guardiana tutrice dei cervi e dei lupi.

Arrivava in sella al Grande Lupo Bianco e, come una madre premurosa, guidava i cacciatori affinché non uccidessero più cervi del necessario, e i pescatori perché non naufragassero nei gorghi.

Chiamata Dea dei Desideri perché, l’intuizione della direzione indicata dal proprio Sé autentico, si cela nella riflessione e nella meditativa attesa.
Le antiche leggende insegnano che nella difficoltà e nella mancanza esiste il sacro.
E il lungo inverno era momento necessario alla progettazione di nuove terre, di nuovi intenti.

Immagina la grande Dea d’Inverno, la Cailleach, che arriva insieme alla bufera accompagnata dai suoi lupi; le serve un desiderio per creare un nuovo paesaggio, una nuova Terra, la tua.

Donale il tuo desiderio, immagina di porgerlo alla Dea con il rispetto e l’ossequio di un tesoro prezioso.
Visualizza mentre lo porta con Sé nel suo grembiule per formare nuove isole, foreste e montagne nella tua Terra Interiore.
Sir Inverno non è ancora finito, la Dea Strega ti attende.

Enrica

Lascia un commento